Il genere Echeveria DC. - La Casa delle Grasse

LA CASA DELLE GRASSE
FOLLOW
LA CASA DELLE GRASSE
Vai ai contenuti

Il genere Echeveria DC.

Schede generi E - G
Echeveria è un genere di circa 150 specie di piante succulente originarie dell'America centrale e meridionale. Sono piante con  rosette di foglie, molto compatte, di diametro variabile dai 2-3 fino ai 10 centimetri. Le piante dalla base della rosetta principale producono spesso sottili stoloni, alla fine dei quali si sviluppano nuove rosette. Le foglie sono carnose, di forma ovale  o triangolare, talvolta con margine esterno ondulato o sfrangiato. Il colore delle Echeverie è vario e, a seconda della specie, possono essere verdi, grigiastre, grigio-azzurre, rosate, violacee.
In primavera o in estate dal centro della rosetta cresce uno stelo, spesso molto lungo, sul quale sbocciano numerosi piccoli fiori campanulati, di colore giallo oppure rosato o rosso con il margine superiore dei petali di colore giallo.
Le Echeverie preferiscono posizioni molto luminose ed il sole del mattino anche se vivono bene in posizioni di semiombra. Infatti durante i mesi estivi occorre evitare una esposizione eccessiva ai raggi solari. Occorre anche fare attenzione a non provocare  scottature esponendole troppo rapidamente al sole nel periodo primaverile.
Per quanto riguarda il substrato di coltivazione, anche se crescono bene su moltissimi terreni, è bene usare un substrato sciolto, molto ben drenato e ricco di materia organica.
Ad esempio può essere ustata la composta base per le cactaceae arricchita da una parte di buon terriccio torboso.
Echeveria è molto apprezzata sia per la facilità di coltivazione, sia per l'ampiezza delle specie, grazie anche alla presenza di numerosi ibridi e cultivar.
Se è vero però che le Echeverie sono piante facili da coltivare è altrettanto vero che sono piante che richiedono una periodica manutenzione; di solito tendono a svilupparsi producendo nuove foglie al centro della rosetta, mentre  le foglie più esterne disseccano e vanno periodicamente asportate. Con il passare degli anni può capitare di ottenere un alto fusto spoglio, all'apice del quale si trovano le rosette con le foglie con un risultato che sicuramente non rende giustizia  alle belle forme della specie. Per evitare questo "inestetismo" è possibile recidere periodicamente la rosetta di foglie ed appoggiarla al terreno per farla radicare.
Echeveria cv. 'Rundelli'
Echeveria secunda Booth ex Lindl., 20 km a Est da S. Luis de La Paz, GTO, Messico - Immegine di Amante Darmanin
Echeveria shaviana E. Walther
Per quanto riguarda invece le annaffiature occorre bagnare le piante da marzo a ottobre/novembre con regolarità, avendo cura, come per tutte le piante succulente,  di annaffiare solo quando il terreno è asciutto. Durante i mesi invernali invece, le piante andranno annaffiate solo sporadicamente e solo se la pianta rischia un avvizzimento eccessivo e avendo cura di farlo nelle giornate a clima più mite.
Relativamente alla moltiplicazione è possibile propagare Echeveria per seme o per talea di foglia, ma come abbiamo già detto, è anche possibile utilizzare i germogli laterali o le piante che si sviluppano al termine degli stoloni laterali che,  staccati dalla pianta madre, possono essere appoggiati sul substrato di coltivazione e fatti radicare in modo da avere immediatamente una nuova pianta identica in tutto e per tutto a quella di origine.
Se ben coltivate le Echeverie non sono solitamente attaccate da parassiti o da malattie fungine. E' in ogni caso preferibile effettuare un trattamento preventivo con fungicida e insetticida sia in primavera sia al termine del periodo vegetativo.
Talvolta però possono essere oggetto di attacchi di cocciniglia o di acari.
In tal caso si consiglia di trattare con un buon insetticida sistemico e, nel caso di attacco di cocciniglia, occorre anche controllare che gli insetti non siano presenti anche nel terreno. In quest'ultimo caso occorrerà togliere il terreno, pulire accuratamente le radici e rinvasare con nuovo terriccio e annaffiare dopo alcuni giorni con il medesimo insetticida diluito nell'acqua.
Echeveria setosa Rose & Purpus

Famiglia: Crassulaceae
Genere: Echeveria

Principali specie:

Echeveria agavoides Lemaire
Echeveria colorata E. Walther
Echeveria elegans A. Berger
Echeveria lutea Rose
Echeveria shaviana E. Walther
Echeveria lilacina Kimnach & Moran
Echeveria pulidonis E. Walther

Echeveria rauschii Keppel
Echeveria secunda Booth ex Lindl.

Echeveria agavoides Lemaire

Echeveria agavoides é una delle più belle piante di questo genere sia per la bellissima forma a rosetta sia per le colorazioni rossastre che può assumere nelle foglie soprattutto se in inverno viene tenuta atemperature non troppo elevate. E' caratterizzata da una stretta rosetta di foglie carnose verde mela con bordi rossastri con una spina terminale. I fiori sono rossi con una punta di giallo e fioriscono su un lungo stelo dall'inizio della primavera fino all'inizio dell'estate. E' una specie originaria dell'altopiano del Messico centrale nello stato di San Luis Potosí ove cresce a quote elevate su affioramenti rocciosi. E. agavoides è una succulenta di facile coltivazione e tollera bene varie esposizioni. Tollera infatti sia esposizioni ben soleggiate sia esposizioni all'ombra, sia terreni aridi sia terreni frequentemente umidi. Tuttavia suggeriamo una coltivazione a luce intensa facendo comunque attenzione nel periodo primaverile estivo di abituarla progressimamente ai raggi del sole per evitare scottature. Suggeriamo di utilizzare per la coltivazione, anche se difficilmente tende a marcire, un substrato ben drenato realizzato aggiungendo alla normale composta da cactus un poco più di torba fine. Si suggerisce inoltre di utilizzare un vaso abbastanza ampio, anche se non troppo profondo, in quanto le radici si sviluppano superficialmente. E' una piante che è molto facile da propagare sia per talea di foglia sia per divisione dei cespi che produce annualmente.  
Sininimi: Cotyledon agavoides (Lem.) Baker, Cotyledon agavoides (Lem.) Baker, Cotyledon corderoyi Baker, Cotyledon corderoyi Baker, Echeveria agavoides var. corderoyi (Bak.) Poelln., Echeveria agavoides var. corderoyi (Bak.) Poelln., Echeveria agavoides var. multifida Walther, Echeveria agavoides var. multifida Walther, Echeveria agavoides var. prolifera Walther, Echeveria agavoides var. prolifera Walther, Echeveria corderoyi (Bak.) E. Morr., Echeveria corderoyi (Bak.) E. Morr., Echeveria obscura (Rose) A. Berger, Echeveria obscura (Rose) A. Berger, Echeveria yuccoides Hort. ex E. Morr, Echeveria yuccoides Hort. ex E. Morr, Urbinia agavoides (Lem.) Rose, Urbinia agavoides (Lem.) Rose, Urbinia corderoyi (Bak.) Rose, Urbinia corderoyi (Bak.) Rose, Urbinia obscura Rose.

la passione per le succulente
LA CASA DELLE GRASSE
Torna ai contenuti