Il genere Haworthia - La Casa delle Grasse

La Casa delle Grasse
la passione per le piante succulente
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il genere Haworthia

Schede generi H - M


Le Haworthia sono piante appartenenti alla famiglia delle Asphodelaceae (in passato Liliacee) originarie del Sud Africa, prevalentemente dalle colline a nord di Città del Capo con non più di due specie nel sud della Namibia (H. tessellata) ed una fino allo Swaziland (H. limifolia). La gran parte vive a sud del 31° parallelo, anche se troviamo alcune specie ed alcune popolazioni che si spingono fin oltre il 26° parallelo. Al genere é stato dato da Henri Auguste Duval (1768-1833) nel 1809 il nome in onore del botanico inglese Adrian Hardy Haworth (1767–1833). Duval, che fu il primo dei grandi botanici ad interessarsi in modo particolare delle succulente descrisse dapprima H. retusa, H. viscosa ed H. pumila che Linneo, nel suo "Species Plantarum" del 1753 aveva incluso nel genere Aloe.


Le Haworthia sono piante relativamente piccole, con foglie carnose a vari livelli che consentono alla pianta di immagazzinare acqua da utilizzare durante i lunghi periodi di siccità. Le foglie di solito sono disposte a rosetta. Il colore delle foglie varia dal verde tenue fino al marrone scuro, talvolta sono trasparenti e spesso sono caratterizzate da attraenti marcature oppure da tubercoli.

Il genere Haworthia conta indicativamente 140 specie diverse anche se la tassonomia del genere è molto complicata e controversa. Infatti secondo la classificazione di M.B. Bayer e J.C. Manning del 2012, ad esempio, le specie di Haworthia sono solo una settantina.

Oltre ad una storica confusione nella classificazione del genere deve essere evidenziata una variazione abbastanza significativa tra piante appartenenti alla stessa specie sia in conseguenza dell'habitat naturale sia delle condizioni di coltivazione. In genere inoltre sono piante molto variabili sia all'interno di singole specie sia per la facilità con la quale si ibridano. Per questo motivo a volte la classificazione e l'identificazione delle piante é particolarmente difficile, ma è proprio questa variabilità che rende Haworthia, per le innumerevoli e particolari forme, interessanti per i collezionisti. Ed in questo campo che, come abbiamo visto per gli Astrophytum, i giapponesi hanno ottenuto ibridi particolarmente belli ed interessanti.
Haworthia sono piante generalmente di piccole dimensioni, prive di fusto, con le foglie carnose disposte a rosetta, solitarie o in gruppi più o meno accestititi, variamente colorate e caratterizzte da puntini bianchi oppure da peluria a seconda della specie e della varietà. Le foglie possono avere forme diverse a seconda della specie: acuminate (H. glauca), troncate (H. truncata), con margini dentellati (H. chloracantha), ciliati (H. setata), dritti (H. marginata), trasparenti (H. bolusi) fenestrati all'apice (H. maugani). Le radici sono fascicolate, lunghe, lunghe, carnose caratterizzate da un grosso nucleo fibroso che si contrae nel periodo ecco e fa abbassare la rosetta nel terreno. Le infiorescenze, tipiche della famiglia, sbocciano lungo uno stelo che in alcuni casi è ramificato (specie della sezione Margaritifere) e lungo anche fino a 50 cm, a seconda della specie. I fiori sono tendenzialmente di colore bianco, sono piccoli e numerosi,e in qualche caso hanno sfumature  che vanno dal rosa più o meno intenso fino al marrone. A volte le venature sono verdi oppure verde marrone. I fiori inoltre hanno sei tepali (unione di sepali e petali) disposti su un solo asse di simmetria.

Le Haworthia in natura crescono per lo più all’ombra di altre piante oppure tra le fessure delle rocce. I raggi solari che ricevono sono pertanto indiretti oppure diretti solo per un breve periodo della giornata. Ove invece la vegetazione é rada e non vi é altro modo per la pianta per proteggersi dalle eccessive radiazioni solari, le Haworthia tendono ad interrarsi (truncata, bruynsii, emelyae, maculata) mentre altri tipi di Haworthia (arachnoidea, bolusii) si richiudono su se stesse, altre ancora come H. lockwoodii seccano le punte delle foglie e racchiudendosi attorno al centro della piata imitano l'evaporazione e favoriscono la raccolta della rugiarda. Un altro fenonomeno interessante è la caratteristica di alcune specie di avere foglie traslucide o cn puntinature o reticolature traslucide. In questo modo si permette alla luce di entrare direttamente nel foglio-tessuto interno della pianta ed effettuare efficacemente la fotosintesi riducendo la parte di pianta direttamente esposta alle forti radiazioni solari.

Pertanto se esponiamo le piante ad un eccessiva luce solare, si possono bruciare gli apici fogliari oppure le piante tenderanno a diventare rossicce. In piena estate, se coltivate in serra, è opportuno schermare il tetto con reti ombreggianti esponendo le piante ai raggi diretti del sole solo la mattina ed al tramonto. E' tuttavia bene segnalare che sono piante che non amano un'ombra decisa e se così coltivate tenderanno a pertere taklune delle caratteristiche proprie della specie e le belle colorazioni rossastre.
Per quanto riguarda il terreno occorre utilizzare un terreno ben drenato e di granulometria non troppo grossa (tra 2 e 5 mm) preferibilmente povero di materia organica.
Può essere utile utilizzare la normale composta da cactus (pomice, lapillo e buon terricio torboso fine in parti uguali) con un poco meno di terriccio torboso. Possono essere coltivate anche su terricci più ricchi anche se sarà più difficile evitare che l'umidità ristagni e le piante così possono perdere le radici. Quando diamo semplicemente troppa acqua, oppure il substrato non asciuga abbastanza velocemente, oppure quando le annaffiamo e le piante gradisconono invece il riposo (es. mesi caldi di luglio ed agosto) le Haworthia
sono inclini a perdere le radici anche perché talvolta si sospetta che alcune specie sembrano non adattarsi completamente alla vita nell'emisfero settentrionale. Comunque, nel caso in cui notiate che le piante hanno perso le radici, trapiantatele su nuovo terriccio povero di materia organica dopo aver lasciato asciugare la pianta per alcuni giorni in posizione ombreggiata e dopo aver accuratamente eliminato le parti secche e le radici morte. In breve avrnno nuova vita!
Le Haworthie inoltre vanno coltivate in vasi non troppo bassi per dare il giusto spazio alle radici carnose.
Salvo poche eccezioni il periodo di crescita va da aprile  alla fine di novembre con una interruzione in estate, quando le temperature sono molto elevate (mesi di luglio ed agosto). In questo periodo le Haworthia
cessano lo sviluppo sopra terra, ma come in tutte le piante appartenenti alla famiglia delle liliaceae, rinnovano le loro radici. In conseguenza di ciò, periodi prolungati di eccessiva umidità e ristagni idrici, soprattutto in coincidenza di questo periodo, possono condurre, come abbiamo detto, la pianta alla decomposizione delle radici.
Durante  il periodo di riposo estivo è opportuno favorire, come per tutte le piante succulente un'ottima circolazione di aria. Se la temperatura è tuttavia molto elevata è opportuno vaporizzare oppure annaffiare moderatamente.
Le annaffiature devono essere completamente sospese in inverno e devono essere riprese in primavera per assicurare una celere ripresa vegetativa. In una delle prime annaffiature è opportuno aggiungere un fertilizzante (noi usiamo solo per questa annaffiatura un concime solubile in acqua N-P-K 15-15-15). Successivamente utilizziamo un concime per piante succulente povero di azoto e più ricco di potassio  e di fosforo.
Occorre, come per tutte le succulente avere cura, prima di ripetere l'annaffiatura,  che il terriccio sia completamente asciutto.
Dopo la sospensione del periodo di luglio ed agosto di cui abbiamo parlato è opportuno riprendere le annaffiature in settembre per poi sospenderle alla fine di novembre o comunque quando le temperature sono troppo basse.
La propagazione di Haworthia
è abbastanza facile: può essere effettuata ricorrendo a:

  • semina,

  • talea,

  • talea di foglia,

  • talea di radice,

  • talea di stelo floreale.

La talea di getto è più facile e veloce: quando una haworthia accestisce, con un bisturi affilato, o anche con le mani, si tagliano le nuove nate che si lasciano asciugare per almeno per una settimana in un luogo ventilato e all’ombra. Successivamente vanno interrate come le altre piante ed annaffiate. Con il tempo formeranno  proprie radici.
Alcune Haworthia
accestiscono con difficoltà e possono essere riprodotte per talea di foglia. Occorre staccare dalla pianta adulta alcune foglie esterne. Occorre prendere la pianta a radice nuda, toglire le eventuali foglie più esterne secche o già avvizzite e con un coltello molto affilato si possono tagliare solo le due estremità delle prime foglie turgide e con una buona riserva d’acqua nei loro tessuti. Le foglie strappate poi molto delicatamente dal fusto vanno evntalmente irrorate con poco ormone radicante e poste ad asciugare come le talee per almeno una settimana in luogo ombreggiato. Successivamente le foglie vanno interrate dalla parte staccata appena sotto la superficie del terreno di coltura aiutandosi a mantenerle quasi erette con un poco di materiale inerte. Dal punto di strappo nasceranno nuove piante mentre la foglia seccherà.
La semina può essere effettuata in qualunque momento dell'anno ad una temperatura compresa fra 15 e 20 °C. È importante non superare questa temperatura in quanto una temperatura elevata inibisce la germinazionee la temperatura notturna deve essere più bassa di non più di 15 °C. Anche i semenzali non tollerano le alte temperature. E' opportuno inoltre usare sementi fresche (non più di sei mesi) in quanto i semi vecchi, di oltre un anno, di solito non germinano e seminare moto fittamente in quanto in tal modo sembra che la germinazione avvenga più facilmente. Occorre evidenziare che per produrre semi dalle nostre piante occorrerà ricorrere all'impollinazione manuale in quanto, anche se nelle vicinanze si trovano numerose piante fiorite nelle stesso momento, raramente vedremo il formarsi dei frutti.
Le Haworthia si riproducono anche creando una nuova pianta sullo stelo floreale. Se quando lo stelo è ancora turgido viene spezzato, come nella foto a lato, si potrà verificare che lungo di esso si sviluppi una nuova piccola pianta che, un volta cresciuta, potrà essere staccata ed interrata come una talea in modo da farla radicare. Tuttavia non abbiamo riscontrato una sistematicità di tale metodo di risproduzione e il formarsi della piccola pianta attaccata allo stelo floreale sembra casuale.

Haworthia cimbiformis (Haw.) Duval - Immagine tratta Curti's Botanical Magazine vol. 21 t. 802 (1805)
Haworthia cooperi var. venusta (C.L.Scott) M. B. Bayer
Haworthia truncata 'lime green'
Haworthia arachnoidea var. arachnoidea (L.) Duval
Haworthia 'Ollasonii'
Haworthia 'Ollasonii'
Haworthia gracilis var. tenera (V. Poellnitz) M.B. Bayer
Haworthia 'kikugihasa'
Haworthia attenuata (Haw.) Haw. fa. variegata
Haworthia attenuata (Haw.) Haw. fa. variegata
Haworthia mirabilis x mutica
Haworthia maughanii cv. "Diederik"
Haworthia cv. 'Alligator pair'
Haworthia mirabilis v. splendens
Haworthia magnifica var. splendens J.D.Venter & S.A.Hammer
Haworthia mirabilis v. splendens

Hawhorthia truncata  Schoenl.
H. truncata é certamente una delle più belle specie di Haworthia. Si distingue chiaramente dalle altre secie per la forma. la rosetta delle foglie è disposta a ventaglio. La pianta ha fusto brevissimo con le foglie succulente disposte su un unico piano molto vicine le une alle altre. Le foglie sono larghe ca. 2 cm. e sono larghe la metà, sono tronche ed all'apice presentano una sorta di finestra (in natura é l'unica parte che emerge dal terreno) che consente di fare entrare la luce nella pianta per svolgere la fotosintesi. Le radici sono grosse e carnose. E' una specie che, al pari delle altre Haworthia vegeta soprattutto in primavera ed in autunno (nei periodi troppo caldi o freddi, arresta lo sviluppo) e pertanto se ne dovrà tenere conto nelle annaffiature. La coltivazione non si presenta particolarmente difficile. Il substrato di cultura deve essere ben drenato e povero di materiale organico. Le annaffiature saranno regolari nel periodo di sviluppo, avendo sempre cura che il terriccio asciughi, tra una annaffiatura e l'altra, e più limitate nei mesi di luglio ed agosto se molto caldi. Nel periodo di sviluppo é consigliabile aggiungere un fertilizzante per succulente una volta al mese. In inverno può essere tenuta asciutta ad una temperatura sopra i 2-3 °C. La riproduzione é agevole per seme, ma è preferibile effettuarla per divisione dei polloni che la pianta forma con il tempo.

Haworthia cymbiformis (Haw.) Duval
H. cymbiformis è una pianta che forma grappoli di rosette. Le rosette sono formate da foglie di colore verde chiaro le cui estremità tendono ad essere traslucide. E' una pianta originaria del Sud Africa molto diffusa nella Provincia del Capo Orientale tra la città di Port Elizabeth ed East London. Cresce preferibilmente tra le fenditure delle rocce. In coltivazione è una pianta abbastanza facile:  l'esposizione sarà quella di pieno sole opure quella di ombra parziale preferendo l'esposizione al sole del mattino; terreno abbastanza fertile ma molto ben drenato; le annaffiature regolari la riproduzione è facie per mezzo dei numerosi polloni che sviluppa che andranno staccati dalla pianta e messi a radicare dalla primavera all'estate inoltrata.

Sinonimi: Aloe cymbiformis Haw., Catevala cymbiformis (Haw.) Kuntze, Haworthia planifolia

Haworthia venosa subsp. tessellata (Haw.) M.B.Bayer

Haworthia venosa subsp. tessellata più spesso chiamata Haworthia tessellata è una specie di H. diffusa il habitat in un areale molto grande (sud della Namibia e del nord del Sud Africa) ove predilige crescere nella parziale ombra di cespugli oppure in fenditure tra le rocce. E' una specie facilmente riconoscibile per le grandi finestre reticolari sulle foglie triangolari di un bel colore marrone verde, più o meno scuro a seconda dell'esposizione più o meno intensa al sole. Inoltre quanto più la pianta sarà esposta al sole quanto più saranno visibili le linee chiare che formano dei quadrati sulla foglia.Le foglie triangolari, con la parte terminale molto appuntita, sono disposte  a formare una bella rosetta a forma di stella. E' una pianta molto facile da coltivare in quanto cresce molto facilmente ed mette un gran numero di polloni per cui ne è anche molto facile la riproduzione.
Sinonimi: Aloe parva (Haw.) Schult. & Schult.f., Aloe tessellata (Haw.) Schult. & Schult.f., Catevala tessellata (Haw.) Kuntze, Haworthia engleri Dinter, Haworthia minutissima Poelln., Haworthia parva Haw., Haworthia pseudogranulata Poelln., Haworthia pseudotessellata Poelln., Haworthia tessellata Haw., Haworthia tessellata f. brevior Resende & Poelln., Haworthia tessellata var. coriacea Resende & Poelln., Haworthia tessellata var. elongata Woerden, Haworthia tessellata var. engleri (Dinter) Poelln., Haworthia tessellata var. inflexa Baker, Haworthia tessellata f. longior Resende & Poelln., Haworthia tessellata var. luisieri Resende & Poelln., Haworthia tessellata f. major J.R.Br., Haworthia tessellata var. minutissima (Poelln.) Viveiros, Haworthia tessellata var. obesa Resende & Poelln., Haworthia tessellata var. palhinhiae Resende & Poelln., Haworthia tessellata var. parva (Haw.) Baker, Haworthia tessellata var. simplex Resende & Poelln., Haworthia tessellata var. stephaneana Resende & Poelln., Haworthia tessellata var. tuberculata Poelln., Haworthia tessellata var. velutina Resende & Poelln., Haworthia venosa var. tessellata (Haw.) Halda

Il genere è solitamente diviso in tre sottogeneri prendendo quale caratteristica distintiva la forma della sezione trasversale del fiore e la disposizione del petalo.
Il primo sottogenere è denominato Haworthia e conta del maggior numero i specie. La sezione trasversale del fiore é  triangolare e i petali tendono ad essere dei triangoli allungati. Il secondi sottogenere é denominato Hexangulares e, come suggerisce il nome, la sezione trasversale del fiore è a sei facce e quasi circolare. Il terzo sottogere  denominato Robustipedundunculares e, ancora una volta, come il nome suggerisce, il fiore é caratterizzato da una base gonfia e robusta ed i petali sembrano disposti a formare una stella di David.
Di seguito elenchiamo le specie di Haworthia attualmente riconosciute. Ricordiamo che
Haworthia si ibrida molto facilmente e pertanto esistono numerosi ibridi che sono particolrmente apprezzati dai collezionisti soprattutto giapponesi.

Haworthia fluffa M.Hayashi
Haworthia foliosa Haw.
Haworthia fukuyae M.Hayashi
Haworthia glabrata (Salm-Dyck) Baker
Haworthia glauca Baker
Haworthia gracilis Poelln.
Haworthia hamata M.Hayashi
Haworthia harryi M.Hayashi
Haworthia hastata M.Hayashi
Haworthia hayashii M.Hayashi
Haworthia heidelbergensis G.G.Sm.
Haworthia herbacea (Mill.) Stearn
Haworthia hisui M.Hayashi
Haworthia indigoa M.Hayashi
Haworthia integra Poelln.
Haworthia jadea M.Hayashi
Haworthia jansenvillensis Breuer
Haworthia jeffreis M.Hayashi
Haworthia kemari M.Hayashi
Haworthia kingiana Poelln.
Haworthia koelmaniorum Oberm. & D.S.Hardy
Haworthia lachnosa M.Hayashi
Haworthia laeta M.Hayashi
Haworthia latericia M.Hayashi
Haworthia ligulata M.Hayashi
Haworthia limifolia Marloth
Haworthia lockwoodii Archibald
Haworthia longiana Poelln.
Haworthia maculata (Poelln.) M.B.Bayer
Haworthia magnifica Poelln.
Haworthia maraisii Poelln.
Haworthia marginata (Lam.) Stearn
Haworthia marmorata M.Hayashi
Haworthia marumiana Uitewaal
Haworthia marxii Gildenh.
Haworthia minor (Aiton) Duval
Haworthia mirabilis (Haw.) Haw.
Haworthia mollis M.Hayashi
Haworthia monticola Fourc.
Haworthia mortonii Breuer
Haworthia mucronata Haw.
Haworthia mutica Haw.
Haworthia nigra (Haw.) Baker
Haworthia nigrata M.Hayashi
Haworthia nortieri G.G.Sm.
Haworthia oculata M.Hayashi
Haworthia odetteae Breuer
Haworthia ohkuwae M.Hayashi

Haworthia opalina M.Hayashi
Haworthia outeniquensis M.B.Bayer
Haworthia parksiana Poelln.
Haworthia pectinis M.Hayashi
Haworthia pilosa M.Hayashi
Haworthia pubescens M.B.Bayer
Haworthia pulchella M.B.Bayer
Haworthia pumila (L.) Duval
Haworthia pungens M.B.Bayer
Haworthia pusilla M.Hayashi
Haworthia pygmaea Poelln.
Haworthia regalis M.Hayashi
Haworthia regina M.Hayashi
Haworthia reinwardtii (Salm-Dyck) Haw.
Haworthia reticulata (Haw.) Haw.
Haworthia retusa (L.) Duval
Haworthia sapphaia M.Hayashi
Haworthia scabra Haw.
Haworthia schoemanii M.Hayashi
Haworthia scottii Breuer
Haworthia semiviva (Poelln.) M.B.Bayer
Haworthia serrata M.B.Bayer
Haworthia sordida Haw.
Haworthia sparsa M.Hayashi
Haworthia spiralis (L.) Duval
Haworthia springbokvlakensis C.L.Scott
Haworthia subhamata M.Hayashi
Haworthia subularis M.Hayashi
Haworthia succinea M.Hayashi
Haworthia tarkasia M.Hayashi
Haworthia × tauteae Archibald
Haworthia teres M.Hayashi
Haworthia tradouwensis Breuer
Haworthia tretyrensis Breuer
Haworthia truncata Schönland
Haworthia turgida Haw.
Haworthia variegata L.Bolus
Haworthia veltina M.Hayashi
Haworthia venetia M.Hayashi
Haworthia venosa (Lam.) Haw.
Haworthia villosa M.Hayashi
Haworthia violacea M.Hayashi
Haworthia viscosa (L.) Haw.
Haworthia vlokii M.B.Bayer
Haworthia wittebergensis W.F.Barker
Haworthia zantneriana Poelln.
Haworthia zenigata M.Hayashi

Haworthia agnis Battista

Haworthia akaonii M.Hayashi
Haworthia albispina M.Hayashi
Haworthia amethysta M.Hayashi
Haworthia angustifolia Haw.
Haworthia ao-onii M.Hayashi
Haworthia aquamarina M.Hayashi
Haworthia arabesqua M.Hayashi
Haworthia arachnoidea (L.) Duval
Haworthia aristata Haw.
Haworthia attenuata (Haw.) Haw.
Haworthia azurea M.Hayashi
Haworthia bathylis M.Hayashi
Haworthia bayeri J.D.Venter & S.A.Hammer
Haworthia bella M.Hayashi
Haworthia blackburniae W.F.Barker
Haworthia bolusii Baker
Haworthia borealis M.Hayashi
Haworthia breueri M.Hayashi
Haworthia bronkhorstii M.Hayashi
Haworthia bruynsii M.B.Bayer
Haworthia caerulea M.Hayashi & Breuer
Haworthia caesia M.Hayashi
Haworthia calva M.Hayashi
Haworthia candida M.Hayashi
Haworthia capillaris M.Hayashi
Haworthia chloracantha Haw.
Haworthia coarctata Haw. A
Haworthia cooperi Baker
Haworthia crausii M.Hayashi
Haworthia crinita M.Hayashi
Haworthia crystallina M.Hayashi
Haworthia cummingii Breuer & M.Hayashi
Haworthia cymbiformis (Haw.) Duval
Haworthia davidii (Breuer) M.Hayashi & Breuer
Haworthia decipiens Poelln.
Haworthia devriesii Breuer
Haworthia diaphana M.Hayashi
Haworthia elizeae Breuer
Haworthia emelyae Poelln.
Haworthia emeralda M.Hayashi
Haworthia eminens M.Hayashi
Haworthia enigma M.Hayashi
Haworthia esterhuizenii M.Hayashi
Haworthia exilis M.Hayashi
Haworthia fasciata (Willd.) Haw.
Haworthia flavida M.Hayashi
Haworthia floccosa M.Hayashi
Haworthia florens M.Hayashi
Haworthia floribunda Poelln.

© 2006-2017 Mauro Zuntini e relativi fornitori
Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu