Il genere Copiapoa - La Casa delle Grasse

La Casa delle Grasse
la passione per le piante succulente
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il genere Copiapoa

Schede generi A - C

Copiapoa è un genere di cactaceae provenienti dai deserti dell'America meridionale, in particolare dal Cile ed il deserto di Atacama è uno degli habitat caratteristici. Il deserto di Atacama ha caratteristiche molto diverse da altre zone desertiche. E' un habitat caratterizzato da alta umidità atmosferica, da temperature basse, da fortissima escursione diurna-notturna; da bassissima escursione termica fra i vari periodi dell'anno; da piogge praticamente assenti e non legate ad una stagione precisa, forte presenza di nebbie e bassa evaporazione in conseguenza delle temperature. L'habitat è inoltre caratterizzato da suoli con bassissima attività microbica e tendenzialmente alcalini. La maggior parte presenta un pH compreso tra 7,6 e 8,4. In considerazine dell'habitat particolarmente ostile Copiapoa non ha generi affini avendo occupato una nicchia ecologica molto estrema che è occupata anche da altri cactus come specie ad esempio Eriosyce, Eulychnia, Trichocereus e Opuntia ed altre piante come Euphorbia lactiflua, Oxalis gigantea e diverse specie di Bromeliaceae e di Tillandsia.
Copiapoa é stata descritta, come molti altri cactus globosi, all'inizio come Echinocactus fino a che Britton & Rose non hanno indrodotto il genere nella loro opera "The Cactaceae" con sole sei specie (C. cinerea, C. marginata, C. coquimbana, C. cinerascens, C. echinoides e C. megarhiza). Ora il genere è sottoposto a dubbi interpretativi conbseguenti all'ampliamento delle specie operato da Friedrich Ritter nei primi anni '80 e dai successivi intervnti mirati a ridurre il numero di specie operati da Adriana Hoffmann e da Fred Kattermann. Attualmente il riferimento pare essere l'opera "The New Cactus Lexicon" di David Hunt. Il nome di Copiapoa deriva dal nome della provincia cilena di Copiapo, città del nord del Cile, capitale della regione di Atacama.
Solitamente le varie specie di Copiapoa hanno forma globosa e con l'età tendono a diventare colonnari e ad accestire formando dei gruppi. La crescita è comunque molto lenta causa  e le piante divengono colonnari ed accestiscono dopo 10-15 anni di vita. In età adulta le piante possono raggiungere anche il metro di altezza. Con l'età l’apice delle Copiapoa sviluppa anche un disco lanoso più o meno ampio ed abbondante nelle differenti specie. E' dall'apice che si generano i fiori, generalmente gialli o gialli-rosati, ed è questa la caratteristica che ci consente di distinguere le Copiapoa dagli altri generi di cactus del Cile. Le caratteristiche distintive infatti del genere sono: fiori gialli o gialli-rosati; ovario senza peluria; deiscenza del frutto; lanosità apicale.
Sono piante che prediligono posizioni molto soleggiate per tutto l'anno. A tale proposito occorre fare molta attenzione alla loro esposizione al pieno sole in primavera facendo attenzione ad esporle gradualmente per evitare antiestetiche scottature. Per quanto riguarda le annaffiature è bene annaffiarle meno delle altre specie di cactaceae , lasciando il terreno asciugare bene tra una annaffiatura e l'altra. Questo perchè ricordiamo che Copiapoa vive in zone dove le precipitazioni sono molto scarse e utilizzano l'umidità provente dalla nebbia grazie alla grossa radice e ad un aparato radicale esteso e superficiale.  Copiapoa vive in Cile in un areale che va da Tocopilla sino a Talinay Bajo. La cordigliera delle Ande, l'importante catena montuosa dell'America Meridionale, isola la regione di Atacama, impedendo alle perturbazioni di raggiungere questa zona desertica che è diventata tale proprio per la quasi totale assenza di piogge ed inoltre le regioni del nord del Cile sono sotto la pressoché costante influenza dell’anticiclone del Pacifico sudorientale che impedisce ulteriormente il verificarsi di precipitazioni. Le piante succulente che vivono ad Atacama si sono adattate a tali condizioni climatiche ed hanno imparato ad utilizzare l’acqua necessaria per la vita dalle nebbie quotidiane, dette "camanchacas", che salgono, durante la notte, dal mare verso le colline e l’entroterra e si spingono fino alle valli e che restano lì fino al primo pomeriggio quando sono dissolte dal vento che si leva sempre con regolarità.
Le temperature in habitat non sono particolarmente elevate. Mediamente abbiamo 25 ° C di giorno per effetto dell'effetto mitigante del mare in quanto troviamo spesso questo genere di piante in prossimità della costa, con però una elevata temperatura del terreno che raggiunge spesso temperature prossime ai 50 °C. Tuttavia le piante solitamente il pomeriggio vengono raffreddate da una ventilazione costante. La notte assistiamo ad un consistente abbassamento delle temperature fino a 5 °C ed anche con qualche gelata.
Durante il periodo vegetativo può essere aggiunto all'acqua un concime a bassisssimo tenore di azoto. La coltivazione dovrà avvenire in vasi non più grande della dimensione della pianta avendo cura di utilizzare un vaso più profondo per quelle specie che hanno una radice a fittone.
Copiapoa cresce in habitat ove il substrato è minerale con Ph praticamente neutro fatta eccezione per C. cinerea var. columna-alba che cresce in terreni molto ricchi di calcio con un ph tra l'8,3 e l'8,9. Il substrato di coltivazione sarà quindi quello classico delle cactaceae, con pochissima sostanza organica, molto ben drenato privilegiando rispetto alla sostanza organica poche concimazioni diluite nell'acqua con concime a bassissimo tenore di azoto.
La riproduzione può avvenire per divisione dei cespi quando le piante hanno accestito oppure per seme. In quest'ultimo caso occorre evidenziare che le piante producono pochi semi e che una volta germinati la crescita è molto lenta. E' per questo motivo che talvolta troviamo le piante innestate. I semi inoltre devono essere necessariamente molto freschi e ben puliti.

Famiglia: Cactaceae

Genere: Copiapoa


Specie:


Copiapoa ahremephiana N.P.Taylor & G.J.Charles
Copiapoa alticostata F.Ritter
Copiapoa angustiflora Helmut Walter, G.J.Charles & Mächler
Copiapoa aphanes Mächler & Helmut Walter
Copiapoa calderana F.Ritter
Copiapoa cinerascens (Salm-Dyck) Britton & Rose
Copiapoa cinerea (Phil.) Britton & Rose
Copiapoa coquimbana (Karw. ex Rüpler) Britton & Rose
Copiapoa dealbata F.Ritter
Copiapoa decorticans N.P.Taylor & G.J.Charles
Copiapoa echinoides (Lem. ex Salm-Dyck) Britton & Rose
Copiapoa fiedleriana (K.Schum.) Backeb.
Copiapoa humilis (Phil.) Hutchison

Copiapoa coquimbana (Karw. ex Rüpler) Britton & Rose [as Echinocactus coquimbanus Karw.] - Immagine da Schumann, K.M., Gürke, M, Vaupel, F., Blühende Kakteen. Iconographia Cactacearum, vol. 3, tav. 121
Copiapoa dealbata F. Ritter - Immagine della Fundación Jardín Botánico Nacional de Viña del Mar
Copiapoa echinoides (Lem. ex Salm-Dyck) Britton & Rose - Immagine di Fundación Jardín Botánico Nacional de Viña del Mar
Un esempio di nebbie (camanchaca) - Immagine di Alejandro Soffia Vega
Copiapoa hypogaea F. Ritter
Copiapoa hypogaea F.Ritter
Copiapoa krainziana F.Ritter
Copiapoa leonensis I.Schaub & Keim
Copiapoa longistaminea F.Ritter
Copiapoa marginata (Salm-Dyck) Britton & Rose
Copiapoa megarhiza Britton & Rose
Copiapoa montana F.Ritter
Copiapoa pendulina F.Ritter
Copiapoa rupestris F.Ritter
Copiapoa × scopa Doweld
Copiapoa serpentisulcata F.Ritter
Copiapoa solaris (F.Ritter) F.Ritter
Copiapoa in habitat - Immagine di Cristian Ruz
Copiapoa - Immagine di Cristian Ruz
© 2006-2017 Mauro Zuntini e relativi fornitori
Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti | Torna al menu